Castel Maggiore

Luca De Paoli
Scegli chi ti ascolta

Candidato alle primarie
del Partito Democratico di Castel Maggiore

Mi chiamo Luca De Paoli e sono nato a Palmanova, in provincia di Udine, nel 1964.

Dopo aver trascorso gli anni della gioventù nella mia terra d’origine, il Friuli-Venezia Giulia, ho deciso di trasferirmi a Bologna per studiare Giurisprudenza. Qui mi sono sentito subito a casa: Bologna mi ha permesso di essere veramente me stesso e di respirare l’atmosfera accogliente e calorosa tipica di questa terra.

 

Per questo motivo, ho deciso di stabilirmi qui dal 1999, anno in cui ho iniziato a lavorare per la Fondazione Catis, dove attualmente ricopro l’incarico di Dirigente Responsabile del settore “Affari legali, Accreditamento e Qualità”.

Il volontariato

Il volontariato è un elemento centrale nella mia vita. La mia esperienza è iniziata nel 1990 presso la pubblica assistenza Croce Italia di Bologna, dove per otto anni ho prestato servizio come autista soccorritore.

Durante quel periodo ho dedicato anche il martedì e il giovedì sera alle uscite con ragazzi diversamente abili: è un momento della mia vita che ricordo sempre con molto affetto, dato che mi ha permesso di crescere e di sentirmi parte integrante di una comunità.

In seguito, sono stato volontario all’ANPAS e da vent’anni faccio parte di VOLABO (il Centro Servizi per il Volontariato di Bologna). La mia attività di volontariato si estende anche ad altri settori: ho ricoperto l’incarico di presidente del circolo ARCI e dell’associazione di promozione sociale “Bandiera gialla”.

Inoltre, per dieci anni sono stato portavoce del Forum Terzo settore, prima a Bologna e poi alla regione Emilia-Romagna.

La politica

Mi sono avvicinato al mondo della politica fin dall’infanzia. Mio padre era un dirigente della regione Friuli-Venezia Giulia e mi ha trasmesso i valori fondamentali a cui tuttora mi ispiro, come la centralità della persona e la politica intesa come spirito di servizio che sappia ascoltare e accogliere le richieste della comunità.

Con mia mamma invece ho sempre condiviso le battaglie a difesa dei diritti e dei più deboli. Inoltre, il mondo del volontariato mi ha offerto una porta d’accesso particolare: come presidente di varie associazioni mi sono interfacciato con gli ambienti politici in occasione di tavoli e riunioni riguardanti temi della programmazione sociosanitaria, delle risorse e del terzo settore. 

Tutto questo ha favorito il mio coinvolgimento diretto a Castel Maggiore, dove ho svolto il mio primo mandato da Assessore all’Istruzione e il secondo da Vicesindaco con delega ai Lavori pubblici. Dopo queste esperienze, mi sento pronto per guidare Castel Maggiore verso un futuro più umano e sostenibile. Desidero una città governata da un’amministrazione condivisa, un nuovo modo di intendere la politica che prevede una collaborazione attiva fra cittadini e istituzioni con l’obiettivo di costruire un forte senso di comunità.